La scelta dei materiali per il top della cucina

3 Agosto 2017

La scelta del materiale per il piano di lavoro della cucina va ponderata bene dal momento che tale materiale ci accompagnerà, verosimilmente, per molti anni.

Il top della cucina non è forse la parte più visibile di questa stanza ma è certamente una delle più importanti per chi la cucina la deve utilizzare.
top della cucinaI materiali, oggi, sono quanto mai vari e la scelta deve tenere certamente conto di quello che è lo stile dell’arredamento della cucina, anche se materiali incredibilmente diversi tra loro riescono, grazie alle moderne tecniche di lavorazione, a riprodurre altri materiali, per cui un laminato può riprodurre una lastra di granito e un piano in cemento un laminato lucido.
Questa capacità di simulare materiali diversi è senz’altro un vantaggio dal momento che possiamo scegliere lo stile che preferiamo senza necessariamente affrontare un acquisto oneroso al quale andremmo certamente incontro acquistando un piano in Okite o in granito, ad esempio.
Rimane il fatto che un materiale come il granito continua ad essere uno di quelli preferiti ed ambiti da chi possiede una cucina, in quanto è duraturo e resistente.
Un piano cucina in laminato ha, per contro, una durata molto più limitata ma anche un costo molto inferiore.
Dovendo optare per una di queste due soluzioni, ad esempio, c’è chi potrebbe decidere per il granito attirato dall’idea di avere un piano definitivo a cui non pensare più per molti anni e chi, magari amante dei cambiamenti, potrebbe decidere di puntare sul laminato, cogliendo l’occasione dell’usura e della sostituzione che ne è conseguenza, anche per dare una rinfrescata allo stile della cucina.
Le variabili, come sempre, sono molte ed ogni proprietario valuterà e darà un peso alle proprie esigenze.
Vediamo di fare un elenco, non necessariamente esaustivo, dei materiali per i piani cucina, dai più comuni a quelli più originali, se così vogliamo dire.

Piani in marmo o granito

Marmi e graniti sono pietre naturali che conoscono un largo uso nelle nostre abitazioni.
Spesso li si confonde tra loro anche se le differenze sono notevoli. Il marmo ha una pasta più omogenea e può risultare esteticamente più gradevole, il granito ha invece un aspetto granulare e una varietà di colori molto maggiore.
Per il top della cucina viene in genere preferito il granito a causa della sua durezza e per la minore facilità con cui si riga. Il granito è anche meno assorbente del marmo.

Piani in laminato

Il laminato è forse la soluzione preferita per aver un top cucina dall’aspetto molto gradevole ad un costo decisamente contenuto.
Si tratta sostanzialmente di una lamina di materiale plastico che riveste un’anima di legno.
Questo materiale è in grado di simularne molti altri, dal legno al marmo, dal mosaico al cemento.
Praticamente è un materiale camaleontico che si adatta a qualsiasi ambiente e a qualsiasi stile.
Il punto debole del laminato sta nell’incollaggio del laminato stesso al supporto, al primo segno di cedimento bisogna intervenire affinché infiltrazioni d’acqua non penetrino fino a raggiungere l’anima di legno facendola gonfiare rapidamente.

Piani in legno

Il legno è un materiale rustico ma al tempo stesso moderno che è capace di grande flessibilità estetica.
Per il piano di lavoro della cucina si opta per il legno lamellare che, come dice il nome stesso, è costituito da lamelle di legno incollate tra di loro.
Potrebbe sembrare meno resistente di un’asse di legno massiccia ma è esattamente il contrario; il legno lamellare è al tempo stesso resistente e “flessibile” e, quando opportunamente trattato, non assorbe i liquidi e non genera deformazioni di sorta.

Piani in Okite

L’Okite è un marchio registrato che si presenta con una elevata percentuale di quarzo, fino al 93%, tanto da renderlo uno dei materiali più resistenti in natura.
Il suo livello di durezza è di circa cinque volte superiore a quello del marmo e del granito.
L’Okite è un materiale decisamente costoso e conosce grandi estimatori come anche grandi detrattori.

Piano in cemento

Se pensate che il cemento armato possa essere usato solo per costruire edifici vi sbagliate.
Il cemento è un materiale in sé poco costoso ma con il quale, se opportunamente trattato, è possibile creare anche uno splendido top cucina fai da te.
Ovviamente, data l’elevata porosità del cemento, questo materiale va opportunamente trattato per renderlo impermeabile e, di conseguenza, igienico e facile da pulire.
Per ottenere una superficie lucida, sul cemento viene colata una resina epossidica che dona al piano un effetto bagnato molto bello.

Piani in acciaio

I piani in acciaio sono comuni nelle cucine degli edifici pubblici, nei ristoranti, nelle pizzerie ecc.
Da qualche anno ha fatto il suo ingresso anche nelle abitazioni private.
I piani cottura, così come i lavelli, da moltissimo tempo vengono realizzati in acciaio, ma solo recentemente si è imposto l’uso dell’acciaio per l’intero piano di lavoro della cucina.
L’acciaio inox è un materiale che si adatta particolarmente alle cucine moderne e ha il notevole pregio di essere molto resistente, inattaccabile dalle più comuni sostanze utilizzate in cucina, igienico e facile da pulire.
Ovviamente deve essere acciaio di un certo spessore per evitare che al minimo urto possa ammaccarsi.

Arreda cucine
Da oltre 25 anni sul mercato, Arreda Cucine realizza i sogni dei suoi clienti, garantendo prodotti innovativi e di qualità. La cura per i dettagli e la passione per i mobili e le finiture porta alla creazione di arredamenti unici e di grande effetto.
crossmenu